Indice Uroboro 7
 
Indice
Uroboro 7
 

Mediateca Italiana
 
Bacheca

 

Cielo d'Alcamo

Contrasto

[traduzione]

"Rosa fresca aulentis[s]ima ch'apari inver' la state,
le donne ti disiano, pulzell'e maritate:
trÓgemi d'este focora, se t'este a bolontate;
per te non ajo abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia."

"Se di meve trabÓgliti, follia lo ti fa fare.
Lo mar potresti arompere, a venti asemenare,
l'abere d'esto secolo tut[t]o quanto asembrare:
avere me non p˛teri a esto monno;
avanti li cavelli m'aritonno."

"Se li cavelli artˇn[n]iti , avanti foss'io morto,
ca'n is[s]i [sý] mi pŔrdera lo solacc[i]o e 'l diporto.
Quando ci passo e vÚjoti, rosa fresca de l'orto,
bono conforto dˇnimi tut[t]ore:
poniamo che s'ajunga il nostro amore."

"Ke 'l nostro amore aj¨ngasi, non boglio m'atalenti:
se ti ci trova pÓremo cogli altri miei parenti,
guarda non t'ar[i]golgano questi forti cor[r]enti.
Como ti seppe bona la venuta,
consiglio che ti guardi a la partuta."

"Se i tuoi parenti trova[n]mi, e che mi pozzon fare?
Una difensa mŔt[t]oci di dumili' agostari:
non mi toc[c]ara pÓdreto per quanto avere ha 'n Bari.
Viva lo 'mperadore, graz[i'] a Deo!
Intendi, bella, quel che ti dico eo?"

"Tu me no lasci vivere nÚ sera nÚ maitino.
Donna mi so' di pŔrperi, d'auro massamotino.
Se tanto aver donÓssemi quanto ha lo Saladino,
e per ajunta quant'ha lo soldano,
toc[c]are me non p˛teri a la mano."

"Molte sono le femine c'hanno dura la testa,
e l'omo con parabole l'adimina e amonesta:
tanto intorno procÓzzala fin cheÎll'ha in sua podesta.
Femina d'omo non si pu˛ tenere:
guÓrdati, bella, pur de ripentere."

"K'eo ne [pur ri]pentÚsseme? davanti foss'io aucisa
ca nulla bona femina per me fosse ripresa!
[A]ersera passÓstici, cor[r]enno a la distesa.
Aquýstati riposa, canzoneri:
le tue parole a me non piac[c]ion gueri."

"Quante sono le schiantora che m'ha' mise a lo core,
e solo purpenzÓnnome la dia quanno vo fore!
Femina d'esto secolo tanto non amai ancore
quant'amo teve, rosa invid´ata:
ben credo che mi fosti distinata."

"Se distinata fˇsseti, caderia de l'altezze,
chÚ male messe f˛rano in teve mie bellezze.
Se tut[t]o adivenýssemi, tagliÓrami le trezze,
e consore m'arenno a una magione,
avanti che m'artoc[c]hi 'n la persone."

"Se tu consore arŔnneti, donna col viso cleri,
a lo mostero vŔnoci e rŔnnomi confleri:
per tanta prova vencerti fÓralo volonteri.
Conteco stao la sera e lo maitino:
besogn'Ŕ ch'io ti tenga al meo dimino."

"BoimŔ tapina misera, com'ao reo distinato!
Ges˛ Cristo l'altissimo del tut[t]o m'Ŕ airato:
concepýstimi a abÓttare in omo blestemiato.
Cerca la terra ch'este gran[n]e assai,
chi¨ bella donna di me troverai."

"Cercat'ajo Calabr[´]a, Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilon´a [e] tut[t]a Barberia:
donna non [ci] trovai tanto cortese,
per che sovrana di meve te prese."

"Poi tanto trabagliÓsti[ti], fac[c]ioti meo pregheri
che tu vadi adomÓn[n]imi a mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano, menami a lo mosteri,
e sposami davanti da la jente;
e poi far˛ le tue comannamente."

"Di ci˛ che dici, výtama, neiente non ti bale,
ca de le tuo parabole fatto n'ho ponti e scale.
Penne penzasti met[t]ere, sonti cadute l'ale;
e dato t'ajo la bolta sot[t]ana.
Dunque, se po[t]i, tŔniti villana."

"En paura non met[t]ermi di nullo manganiello:
ist˛mi 'n esta gror´a d'esto forte castiello;
prezzo le tue parabole meno che d'un zitello.
Se tu no levi e va'tine di quaci,
se tu ci fosse morto, ben mi chiaci. "

"Dunque vor[r]esti, výtama, ca per te fosse strutto?
Se morto essere dÚb[b]oci od intagliato tut[t]o,
di quaci non mi m˛s[s]era se non ai' de lo frutto
lo quale stńo ne lo tuo jardino:
dis´olo la sera e lo matino."

"Di quel frutto non Ób[b]ero conti nÚ cabalieri;
molto lo dis´a[ro]no marchesi e justizieri,
avere no'nde p˛ttero: gýro'nde molto feri.
Intendi bene ci˛ che bol[io] dire?
Men'este di mill'onze lo tuo abere."

"Molti so' li garofani, ma non che salma 'nd'Ói:
bella, non dispregiÓremi s'avanti non m'assai.
Se vento Ŕ in proda e gýrasi e giungeti a le prai,
arimembrare t'ao [e]ste parole,
ca de[n]tr'a 'sta animella assai mi dole."

"Macara se dolÚs[s]eti che cadesse angosciato:
la gente ci cor[r]es[s]oro da traverso e daÎllato;
tut[t]'a meve dicessono: 'Acor[r]i esto malnato'!
Non ti degnara porgere la mano
per quanto avere ha 'l papa e lo soldano."

"Deo lo volesse, vitama, te fosse morto in casa!
L'arma n'anderia c˛nsola, ca dý e notte pantasa.
La jente ti chiamÓrano: 'Oi perjura malvasa,
c'ha' morto l'omo in cÓsata, traýta!'
Sanz'on[n]i colpo lŔvimi la vita."

"Se tu no levi e va'tine co la maladizione,
li frati miei ti trovano dentro chissa magione.
[...] beÎllo mi sof[f ]ero pŔrdici la persone,
ca meve se' venuto a sormonare;
parente nÚd amico non t'ha aitare."

"A meve non aýtano amici nÚ parenti:
istrani' mi so', cÓrama, enfra esta bona jente.
Or fa un anno, výtama, che 'ntrata mi se' ['n] mente.
Di canno ti vististi lo maiuto,
bella, da quello jorno so' feruto."

"Di tanno 'namorÓstiti, [tu] Iuda lo traýto,
como se fosse porpore, iscarlato o sciamito?
S'a le Va[n]gele j¨rimi che mi s´' a marito,
avere me non p˛ter'a esto monno:
avanti in mare [j]ýt[t]omi al perfonno."

"Se tu nel mare gýt[t]iti, donna cortese e fina,
dereto mi ti mýsera per tut[t]a la marina,
[e da] poi c'anegÓs[s]eti, trobÓrati a la rena
solo per questa cosa adimpretare:
conteco m'ajo a[g]giungere a pec[c]are."

"Segnomi in Patre e 'n Fil´o ed i[n] santo Mat[t]eo:
so ca non se' tu retico [o] figlio di giudeo,
e cotale parabole non udi' dire anch'eo.
Morta si [Ŕ] la femina a lo 'ntutto,
pŔrdeci lo saboro e lo disdotto."

"Bene lo saccio, cÓrama: altro non pozzo fare.
Se quisso non arc˛mplimi, lÓssone lo cantare.
Fallo, mia donna, plÓzzati, chÚ bene lo puoi fare.
Ancora tu non m'ami, molto t'amo,
sý m'ai preso come lo pesce a l'amo."

"Sazzo che m'ami, [e] Ómoti di core paladino.
LŔvati suso e vatene, tornaci a lo matino.
Se ci˛ che dico fÓcemi, di bon cor t'amo e fino.
Quisso t'[ad]imprometto sanza faglia:
te' la mia fede che m'hai in tua baglia."

"Per zo che dici, cÓrama, neiente non mi movo.
Inanti pren[n]i e scÓnnami: tolli esto cortel novo.
Esto fatto far p˛tesi inanti scalfi un uovo.
Arcompli mi' talento, [a]mica bella,
chÚ l'arma co lo core mi si 'nfella."

"Ben sazzo, l'arma d˛leti, com'omo ch'ave arsura.
Esto fatto non p˛tesi per null'altra misura:
se non ha' le Vangel[´]e, che mo ti dico 'Jura',
avere me non puoi in tua podesta;
inanti pren[n]i e tagliami la testa."

"Le Vangel[´]e, cÓrama? ch'io le porto in seno:
a lo mostero prÚsile (non ci era lo patrino).
Sovr'esto libro j¨roti mai non ti vegno meno.
Arcompli mi' talento in caritate,
chÚ l'arma me ne sta in sut[t]ilitate."

"Meo sire, poi jurÓstÝmi, eo tut[t]a quanta incenno.
Sono a la tua presenz[´]a, da voi non mi difenno.
S'eo minespreso Ójoti, merzÚ, a voi m'arenno.
A lo letto ne gimo a la bon'ora,
chÚ chissa cosa n'Ŕ data ýn ventura."

 

Si riproduce il testo critico pubblicato in Gianfranco Contini (a cura di), Poeti del Duecento (vol. II de La letteratura italiana. Storia e testi, diretta da Raffaele Mattioli, Pietro Pancrazi e Alfredo Schiaffini), Milano-Napoli, Ricciardi, 1960, tomo I, pp. 173-185.

 

[Uroboro 7, Edizioni Mediateca, Campi Bisenzio, 1999.]


 
Inizio