ULTIMA ORA  ULTIMA ORA ULTIMA ORA ULTIMA ORA ULTIMA ORA
 
 
Mentre un nuovo gruppo di bananeros e ca˝eros si apprestava a partecipare ai corsi di formazione sui diritti umani organizzati dal Cenidh, la delegazione dei settori in lotta e della societÓ civile partiva verso gli uffici del Ministero della SanitÓ per riunirsi con la Commissione Interistituzionale presieduta dalla Ministra della sanitÓ, Margarita GurdiÓn.
Le aspettative sono immediatamente crollate quando nella stanza Ŕ entrata solo la ministra con un seguito di dottori e dottoresse.
Apparentemente la ministra non era al corrente di quanto deciso due giorni fa con il Segretario della Presidenza, Ernesto Leal e si aspettava una riunione per sapere quali fossero le richieste dei vari settori.
Victorino Espinales e Manuel Hernandez, leader bananeros, hanno fatto presente che questa sarebbe giÓ la terza volta che gli toccherebbe rispiegare tutto dall'inizio e che l'accordo con Leal era che da oggi si sarebbe riunita la Commissione per iniziare a lavorare concretamente sui punti in discussione.
Ci sono stati momenti di tensione in quanto la ministra cercava di spostare tutto il discorso sull'iniziare a parlare dell'aspetto sanitario, evidenziando per˛ che il Minsa non aveva soldi e che per lei costituiva un problema il fatto di essere stata scelta per presiedere la Commissione, dato che era estremamente impegnata sul fronte dell'epidemia di Rotavirus che sta attaccando il Nicaragua.
Sia i settori in lotta che la societÓ civile hanno mantenuto una posizione molto dura, chiarendo che non aveva nessun senso parlare solo con lei perchÚ, in ogni caso, la risoluzione dei problemi sarebbe dovuta passare attraverso decisioni da parte del presidente, dei vari ministeri e dei deputati.
Manuel Hernandez e Victorino Espinales hanno anche aggiunto che "abbiamo giÓ spiegato tutto ai Segretari di Comunicazione e Presidenza ed ora dovremmo rispiegare a lei. Quante volte ancora dovremo ripartire dall'inizio? Vogliamo iniziare a lavorare, ad avere delle risposte. Siamo stanchi di aspettare. O si comincia a lavorare sul serio od iniziamo il piano che conoscete bene. Ci sono giÓ centinaia di persone pronte ad interrarsi, a iniziare uno sciopero della fame e a darsi fuoco. Non stiamo scherzando e potremmo anche iniziare una protesta di disobbedienza civile che ci porterebbe ad uno scontro con la Polizia.
Convochi immediatamente gli altri membri della Commissione e riuniamoci oggi pomeriggio, magari in un posto pi¨ vicino al nostro accampamento perchÚ non abbiamo mezzi di trasporto.
Noi camminiamo, ma arrivare fino a qui Ŕ impossibile. C'Ŕ la Casa Presidencial che Ŕ vicina  ed ha decine  di stanze vuote, lý sý che ci arriviamo a piedi..."
La ministra, presa ovviamente di sorpresa e innervosita, Ŕ sparita per circa mezz'ora ed Ŕ tornata dando appuntamento ai settori per le 14 in Casa Presidencial (21 italiane).
 
In una breve riunione tra settori in lotta e societÓ civile si e analizzato il fatto che il governo sta ovviamente prendendo tempo, facendoci passare da una persona all'altra, obbligandoci a partire sempre da zero.
Nulla di quanto promesso fino ad ora Ŕ stato compiuto e la pazienza dei bananeros sta finendo.
Nonostante esista ora una convocazione con la Commissione, Ŕ evidente che c'Ŕ bisogno di forzare la mano al governo e quindi per i prossimi giorni inizieranno azioni che contempleranno manifestazioni per la strada, l'inizio della sciopero della fame, presidi davanti ad ospedali ed eventualmente iniziare ad interrarsi.
Parallelamente sono stati contattati i capigruppo parlamentari dei vari partiti per avere un incontro urgente e si Ŕ venuti a conoscenza che il governo, nonostante il disaccordo dei bananeros, ha portato il tema del Nemag˛n all'interno del Dialogo nazionale.
Ha promesso che il mercoledý dopo Pasqua porterÓ un documento di presentazione del caso e dei punti da risolvere e bananeros e ca˝eros, hanno giÓ avuto l'invito da parte dei deputati per essere presenti e poter vedere concretamente che cosa il governo dirÓ sulla loro situazione, in modo da poter intervenire direttamente.
 
Intanto la situazione nell'accampamento si fa ogni giorno pi¨ dura. Il cibo sta finendo ed oggi hanno praticamente saltato il pranzo.
Urgono urgentemente fondi per l'acquisto di alimenti e si spera che con l'attivitÓ prevista per oggi arrivino donazioni.
E' ormai emergenza!!!!!!
 
(Testo e foto Giorgio Trucchi)