<<< Teatro di Rivista

Visiona tutti i collegamenti alle news

Altre News di Bruno Lauzi

 

ADDIO BRUNO LAUZI

Milano 24 Ottobre 2006

La pagina di La Repubblica:

Addio Bruno Lauzi

 

 

SPETTACOLI & CULTURA

L'artista da tempo era affetto dal morbo di Parkinson
Canzoni, poesie e anticonformismo: aveva vinto il Tenco nel 2006

Milano, Ŕ morto Bruno Lauzi
Fond˛ la scuola dei cantautori genovesi

Milano, Ŕ morto Bruno Lauzi Fond˛ la scuola dei cantautori genovesi

MILANO - Lutto nel mondo della canzone. Bruno Lauzi, Ŕ morto questa notte a Milano. Il cantautore aveva 69 anni, da tempo era affetto dal morbo di Parkinson e ad aprile erano state diagnosticate delle metastasi tumorali al fegato. La notizia della morte di Lauzi, avvenuta ieri pomeriggio, Ŕ stata data questa mattina dai familiari. Lascia la moglie e un figlio, Maurizio di 37 anni. Con Umberto Bindi, Gino Paoli e Luigi Tenco era considerato uno dei fondatori della cosiddetta "scuola genovese".

Lauzi era nato all'Asmara nel 1937 ma era cresciuto a Genova. Dopo il '56, Lauzi trasferitosi a Varese, conosce e collabora con Piero Chiara alla nascita del quindicinale politico liberale "L'Altolombardo". Poi scopre la canzone francese di Brassens, Brel, Aznavour e compone il brano che darÓ l'impronta a tutta la sua produzione artistica futura: "Il poeta". Il cantautore genovese inizi˛ a frequentare e conoscere l'ambiente artistico milanese di quegli anni, dai "Gufi" ad Enzo Jannacci e a lavorare al mitico "Derby" di Milano.

Alla fine degli anni Sessanta Lauzi conobbe Lucio Battisti ed entr˛ nella sua casa discografica: la "Numero Uno". Sono gli anni di brani storici quali "E penso a te", "L'aquila" e "Amore caro, amore bello".

Lauzi, inoltre, fu anche autore e vinse vari premi della critica discografica con canzoni cantate da lui o scritte per altri quali "Lo straniero" per George Moustaki, "Quanto t'amo" per Johnnny Holliday, "L'appuntamento" per Ornella Vanoni, "Piccolo uomo" per Mia Martini. Scrisse, inoltre, canzoni per bambini tra le quali"La tartaruga", e "Johnny Bassotto".

Sei anni fa, con le prime serie manifestazioni del morbo di Parkinson, Lauzi moltiplic˛ le iniziative. Decide di diventare discografico ed editore di se stesso: fond˛ una propria casa editrice (" Pincopallo") ed insieme a Maurizio Fabrizio pubblic˛ uno degli album pi¨ significativi della sua carriera, "Il dorso della balena".

Solo pochi giorni fa la notizia che a lui, vincitore del Premio Tenco 2006, sarebbe stata dedicata la rassegna della canzone d'autore 2006 in programma dal 9 all'11 novembre al Teatro Ariston di Sanremo.

Colpito dal morbo di Parkinson Lauzi si Ŕ adoperato per sensibilizzare sulla malattia con iniziative di solidarietÓ e una celebre lettera indirizzata ironicamente a Mr Parkinson in cui scrive: "Non Ŕ con piacere che le scrivo questa lettera, ma d'altra parte avrei dovuto parlarle a quattr'occhi, affrontarla di persona, sopportare quel suo subdolo modo di fare che Ŕ quanto c'Ŕ di peggio per far perdere la pazienza anche ad un santo, figuriamoci a me".

I funerali di Bruno Lauzi si sono tenuti oggi alle 15.30 nella chiesetta di San Bovio, frazione di Peschiera Borromeo (Milano).

(25 ottobre 2006)

 

 

Addio Bruno Lauzi

Torna inizio pagina