Logo di Ponte Nizza
Home
 
 

    

Terremoto del 1828 Terremoto in valle Staffora

back 

  
 
Terremoto in Valle Staffora del 1828

Effetti sociali ed economici

 

Complessivamente vi furono 15 morti. Le risposte istituzionali e amministrative mirarono soprattutto a formulare una stima economica dei danni nei centri pi¨ colpiti: a Montesegale, Trebbiano e Cecima, per complessive 184 case molto danneggiate, fu stimato un danno economico di 16.630 lire. Non per tutti i paesi danneggiati furono fatte tali stime, per cui manca un quadro generale di sintesi. Inoltre, per numerosi villaggi della campagna non si hanno informazioni dirette dalle fonti amministrative: solo sei anni dopo il terremoto, la meticolosa visita pastorale Negri (Archivio Vescovile di Tortona) rideline˛ il quadro dei danni in questa diocesi: di 136 relazioni parrocchiali, 26 testimoniano con precisione i danni subiti. Non Ŕ sempre chiaro come fu distribuito il carico economico della ricostruzione; solo per le chiese si evincono chiaramente tre scelte variamente adottate: 1) costi assorbiti dalle diocesi; 2) costi assunti dalle amministrazioni periferiche lo cali; 3) costi coperti da sussidi governativi (soprattutto per i danni ai campanili). Non vi furono evidenti effetti nelle economie locali, nÚ flessioni demografiche.