Un docente del Liceo Majorana di Moncalieri, il prof.Giovanni Imbalzano, ha presentato al XXXV Congresso dell'Associazione Insegnanti di Fisica ("La Fisica e...le altre" , Bellaria, 23-26 ottobre 1996) due interessanti lavori, uno di Matematica e l'altro di Fisica.

Il primo riguarda la dimostrazione di un teorema, il cosiddetto Ultimo Teorema di Fermat, il cui enunciato risale al Seicento, che asserisce che non Ŕ possibile risolvere l'equazione xn+yn=zn in numeri interi positivi, per un dato esponente n>2. Ad esempio, non Ŕ possibile trovare i cubi di due numeri interi, la cui somma coincida con il cubo di un terzo numero intero. La dimostrazione generale, ricercata da molti matematici per tre secoli, contenuta in un opuscolo pubblicato dall'autore fin dal 1988, e viene estesa addirittura ad altre classi numeriche (quali gli interi di tipo immaginario).

Nella sua presentazione, molto applaudita, il prof.Imbalzano ha esemplificato il metodo usato per un'applicazione particolare: la ricerca del lato del poligono regolare di 17 lati inscritto in una circonferenza, come previsto dal celebre Gauss.

Nel secondo lavoro, l'autore ha dimostrato una importante identitÓ che lega la carica q dell'elettrone, la velocitÓ c della luce (posta da Einstein a fondamento della teoria della relativitÓ) e la costante di Planck (punto di partenza della moderna fisica dei "quanti di energia"). Il rapporto q2/hc viene determinato come una costante matematica, legata alla ipotesi dei quanti di energia. Dopo la definitiva dimostrazione di questo profondo legame tra luce ed energia, comprendiamo meglio l'origine e le proprietÓ dell'elettrone stesso, al riguardo della carica e della sua stabilitÓ energetica.



  • Come back..
  • e mail: jmbalzan@iol.it